Ha strangolato, derubato e umiliato la vecchietta in casa sua. Ma ciò che ha fatto accanto al cadavere della nonnina è spregevole, l’uomo è stato condannato

Ha strangolato una pensionata fino ad ucciderlo, poi si è fermato accanto al corpo per chiamare una chat erotica. Gareth Dack, 35 anni, è stato condannato a 33 anni di prigione dopo essere stato dichiarato colpevole dell’omicidio della settantaseienne Norma Bell nella sua casa di Hartlepool, in Regno Unito, nel 2017. Dack ha usato un cavo telefonico per soffocare a morte la donna, quindi ha rubato 700 sterline in contanti e una vecchia Tv, prima di utilizzare il telefono fisso per chiamare una linea di sesso. Ha poi dato fuoco e acceso il gas all’interno della casa prima di fuggire, sperando di causare un’esplosione per distruggere le prove.

Il sovrintendente investigativo Alastair Simpson, che ha guidato l’inchiesta, ha detto nel documentario What The Killer Did Next: “Era davvero insolito che l’omicida abbia passato così tanto tempo in quella casa per tutta la notte, piuttosto che commettere l’omicidio e poi cercare di prendere le distanze il più rapidamente possibile dalla scena del crimine. Secondo Dack era andato a casa di Norma perché era “alla disperata ricerca di droghe e aveva finito i soldi“. “Era una donna forte e non avrebbe avuto difficoltà a dire:” No, non ti darò soldi. E penso che Gareth abbia perso la calma a quel punto e che l’abbia aggredita”, ha aggiunto

“La domanda che mi faccio è: ‘come faceva perché a pensare al sesso in questo particolare momento?’ Questo dimostra come non provava alcun rimorso o vergogna per quello che aveva fatto” ha detto la dottoressa Jane Monckton-Smith, criminologa forense. I detective sono rimasti scioccati quando hanno trovato mutandine e calzamaglie della pensionata fatte a pezzi con le forbici. Dack è stato condannato per omicidio e incendio doloso dalla Corte di Teesside.

Author: Emanuela Buzzetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *