Pietro si schianta contro un bus, aveva solo 19 anni. Da un mese era papà

Pietro Cascione stava andando al lavoro. Aveva 19 anni e da poco era diventato papà. La sua era diventata presto una vita di responsabilità ma niente lo preoccupava. I motivi per sorridere non gli mancavano. Un sorriso che un destino beffardo ha voluto spegnare stamani. Pietro Cascione stava andando al lavoro a bordo della sua macchia quando, per cause ancora da accertare, si è schiantato contro un bus ed è morto sul colpo. L’impatto si è verificato sulla strada provinciale Taranto-Statte, all’altezza dell’Acquedotto del Triglio, nei pressi del muro perimetrale dello stabilimento siderurgico. Sul posto 118, vigili del fuoco, Polizia locale e carabinieri. Pietro Cascione che lavorava per una ditta dell’appalto ArcelorMittal è morto sul colpo.

La notizia della morte di Pietro Cascione ha fatto piombare nella disperazione amici e familiari del ragazzo. «Ciao amico mio» – scrive Angelo – «19 anni e papà da un mese, riposa in pace». La salma, a quanto si apprende, è ancora a disposizione della magistratura.  – Todaro, Gazzetta del Mezzogiorno –

Nelle prossime ore dovrebbe essere restituita ai famigliari. Incerta la data dei funerali. Quello di Pietro Cascione è solo l’ultimo dramma che si è consumato sulle strade italiane. Doveva essere un giorno di festeggiamenti per Sara Cocco, quello del 15 giugno. Compiva 21 anni e aveva trascorso il pomeriggio a Cagliari con alcuni amici dopo il pranzo insieme in un ristorante nel centro del capoluogo. Era stata lei a offrire il pranzo, per ringraziare gli amici più cari in una giornata di festa.

Tornando nella sua città, Senorbì, dove doveva continuare i festeggiamenti con la famiglia, è avvenuta la tragedia. L’auto su cui viaggiava con il fidanzato (alla guida), il fratello e la fidanzata del fratello, si è scontrata frontalmente lungo la statale 128, al chilometro 2,800, tra Monastir e Ussana, strada costellata da croci tanto da meritarsi l’appellativo di “strada della morte”.

Drammatica la scena cui si sono trovati davanti i soccorritori: Sara è morta nel groviglio di lamiere, nel giorno del suo compleanno, sotto gli occhi del fidanzato e del fratello, illesi, che non si sono voluti spostare da quel lenzuolo bianco. Gravissima l’amica, una 19enne di Barrali, ricoverata in condizioni disperate al Brotzu. Il 27enne e la 21enne a bordo dell’altra auto sono rimasti feriti ma non corrono pericolo di vita. Senorbì, intanto, è sotto choc.

Author: Emanuela Buzzetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *