Padre e figlia muoiono a meno di 24 ore di distanza. Un intero paese in lutto

Papà e figlia muoiono a meno di 24 ore di distanza. Una doppia tragedia per cui un intero paese, Urbana, in provincia di Padova, è ora in lutto stretto. Lui si chiamava Gianfranco Rizzo. Aveva 79 anni e in passato era stato consigliere comunale e presidente della ProLoco; la figlia, Manuela, riporta Il Messaggero, è deceduta a soli 51 anni dopo aver lottato a lungo contro una malattia.

Il primo è spirato venerdì mattina, 14 giugno 2019, all’ospedale di Schiavonia, dove era stato ricoverato una settimana prima in seguito a un ictus. Il 79enne non è più riuscito a riprendersi da quel malore improvviso ed è deceduto una settimana dopo, tra le mura del nosocomio. Poco dopo di lui se n’è andata anche la figlia Manuela, che ha perso così la sua lunga battaglia contro la malattia.

La morte di Gianfranco Rizzo è stata come un fulmine a ciel sereno per la moglie Luciana e per i quattro figli, Stefania, Manuela, Maurizio e Mirca, abituati a vederlo in salute. Poco dopo, come detto, la famiglia Rizzo ha dovuto dire addio anche a Manuela, che si è spenta nella giornata di sabato 15, dunque una manciata di ore dopo il papà. La cerimonia funebre per padre e figlia si è tenuta lunedì, 17 giugno, come rende noto Il Mattino di Padova.

 

Sempre sabato scorso, 15 giugno, un’altra doppia tragedia familiare: padre e figlia hanno perso la vita insieme nella località Montiron a Tessera, in provincia di Venezia. Trentacinque anni lui, tredici lei sono rimasti coinvolti in un grave incidente a bordo della loro Volkswagen Touran. Da quanto si è appreso, l’auto ha invaso la corsia opposta e si è incastrata sotto un autobus, uccidendo i due sul colpo.

A bordo dell’auto si trovavano altre 4 persone, tutti membri di una famiglia di origine moldava ma residente a Milano. La madre e i tre figli, tutti minori, sono rimasti feriti gravemente e ricoverati in ospedale in codice rosso. Le condizioni più preoccupanti sarebbero quelle di un bambino di soli 4 mesi. I fratelli di 7 e 14 anni sono stati trasferiti rispettivamente agli ospedali di Treviso e di Mestre. Illese, invece, le persone a bordo del bus.

Author: Emanuela Buzzetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *