L’attrice di ‘Un medico in famiglia’ ha il cancro: “Insultata per la chemio”

Da quando ha scoperto di avere il cancro, l’attrice documenta sui social le fasi delle cure a cui si sta sottoponendo ormai da qualche mese. Cure che stanno dando risultati, visto che il cancro è in remissione, ma in un post piuttosto lungo spiega come tutto sia iniziato e anche come sia stata insultata per essersi sottoposta alla chemioterapia. Lei è Sabrina Paravicini, nota al grande pubblico per essere stata l’indimenticabile infermiera Jessica Bozzi nella Asl delle prime quattro stagioni della nota fiction di Raiuno Un medico in famiglia e confidente di Lele Martini, ovvero Giulio Scarpati.

La Paravicini ha esordito nel 1993 con il film Stefano Quantestorie, diretto da Maurizio Nichetti, ma è con il ruolo di Jessica che diventa famosa. In seguito ha vestito i panni di Luisa Mari nelle due miniserie televisive Amanti e segreti (2004) ed Amanti e segreti 2 (2005), entrambe dirette da Gianni Lepre. Nel 2017 è nel cast di Non uccidere, regia di Adriano Valerio, su Rai 1. 

Lo scorso anno l’attrice 48enne raccontò di aver messo da parte la carriera per stare vicino al figlio Nino, che ha la Sindrome di Asperger, e a dicembre 2018 ha scoperto di avere il cancro. Sui social ha spiegato che inizialmente avvertiva un forte dolore al seno, poi, dopo vari esami che non rivelavano nulla di sospetto, la scoperta: “Il tumore era nascosto dietro la cisti che stava sotto al capezzolo, pare che le cellule tumorali abbiano attaccato la cisti e grazie a questo attacco il mio corpo ha parlato. Quando ho avuto la diagnosi, il tumore aveva solo 6 mesi, era grande 2 centimetri e mezzo e aveva già creato un’area infiammatoria di 6 centimetri. Era veloce e aggressivo. Non ancora operabile. Nel giro di 2 settimane ho iniziato la chemioterapia”.

La Parvicini si sta sottoponendo alla chemio (poco fa, dopo un ciclo, ha aggiornato i suoi follower dicendo che pur sentendosi stanca “sto meglio, solo un po’ stordita con le ‘formiche’ a mani e piedi”) e due giorni fa si è vista costretta a rispondere a chi l’accusava di distruggere il suo corpo ricorrendo alla chemioterapia. In quella stessa occasione, l’attrice ha annunciato che la malattia è in remissione, come dimostra il referto della risonanza pubblicato su Instagram.

“La chemio è offensiva e orribile – ha scritto – ma è l’unica cura certa e protocollata. Anche io non la volevo fare, non volevo il veleno nel mio corpo e solo io so quanto è avvelenato oggi il mio corpo dalla chemio. Ci ho anche provato a pensare di fare qualcosa di alternativo, non potevo permettermi di perdere neppure un mese, figuriamoci un anno per sperimentare. A tre giorni dalla diagnosi, una sorta di guru alternativo mi ha insultata per telefono perché non ho accettato di fare solo il ‘suo’ protocollo curativo di 120 giorni, mi gridò: ‘Si faccia avvelenare dalla chemioterapia, che stupida!’. Ma questo è il referto della risonanza che ho fatto dopo 4 cicli di epirubicina, un mese fa: remissione al 90% del tumore”.

Author: Emanuela Buzzetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *