Tornado mette in ginocchio la Grecia, 6 turisti sono morti. Altre 30 persone sono rimaste ferite

Una violenta tempesta che si è abbattuta sulla penisola Calcidica ha portato alla morte di 6 turisti e al ferimento di altre 30 persone

Un tornado, delle forti piogge e anche grandinate hanno investito questa notte la penisola calcidica, in Grecia. La regione in cui si trova la città di Salonicco è stata devastata e il maltempo ha portato alla drammatica morte di sei turisti stranieri (un uomo russo e suo figlio, due cechi, una donna rumena e il suo bambino) e al ferimento di altre 30 persone.

Tornado mette in ginocchio la Grecia, ci sono 6 vittime e si tratta di turisti

Il tornado che questa notte ha letteralmente devastato la penisola Calcidica, in Grecia, è durato ben venti minuti. Lo hanno riferito i testimoni che sono stati intervistati dalla televisione greca Ert. La terribile ondata di maltempo ha mietuto 6 vittime tra i turisti, mentre altre 30 persone sono rimaste ferite. Per quanto riguarda le vittime, un uomo russo con il figlioletto di due anni hanno perso la vita a Cassandra, una località balneare che si trova a 70 km di distanza da Salonicco. I due sono stati colpiti da un albero caduto proprio a causa del maltempo. Le due vittime di nazionalità ceca sono state travolte dal vento mentre si trovavano all’interno del loro caravan, a Propontida. La donna rumena e suo figlio- un bimbo di 8 anni- sono stati invece travolti da un tetto che il vento aveva fatto volare via da un edificio.

Tornado mette in ginocchio la Grecia, nella penisola Calcidica è stato dichiarato lo stato di emergenza

Il tornado e il maltempo che stanotte hanno devastato la penisola Calcidica in Grecia sono stati descritti da molti come qualcosa di mai visto. Intanto, nella regione è stato dichiarato lo stato di emergenza, come riferito dal capo della Protezione Civile locale. 140 Vigili del Fuoco sono al lavoro, anche per aiutare le persone che sono rimaste intrappolate in abitazioni e hotel.

Author: Emanuela Buzzetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *