L’11enne con la testa girata di 90 gradi, appello dei familiari: “Non abbiamo soldi per operarla”

Afsheen Kumbar è una bambina pachistana di soli 11 anni affetta da un grave malformazione che le rende la vita un inferno: il suo collo e la sua testa infatti sono girati di 90 gradi e le impediscono i normali movimenti. A causa di questa condizione la minore vive con un costante dolore che ormai le rende difficile fare qualsiasi attività quotidiana, anche la più semplice come mangiare o andare in bagno. Per questo le servirebbe un intervento chirurgico che, anche se non risolutivo, possa in qualche modo alleviare le sue sofferenze. Purtroppo la ragazzina però viene da una famiglia molto povera e sfortunata che non ha i mezzi per poterla portare nemmeno in ospedale. Per questo, attraverso i media, si sono appellati al governo locale e anche alle organizzazioni umanitarie affinché  l’11enne possa ricevere le cure adeguate.

Secondo il loro racconto riportato dal Daily Mail, i problemi dell’11enne sarebbero nati intorno agli 8 mesi quando si è fatta male al collo mentre giocava fuori casa. La famiglia  ha trascurato quel collo che sembrava torcersi su se stesso ma la cosa è peggiorata sempre di più. Quando hanno capito che aveva bisogno di cure però non c’erano i soldi così l’hanno portata da un guaritore locale ma ovviamente senza alcun risultato. Si pensa che Afsheen Kumbar sia affetta da un disturbo muscolare che le ha causato una sorta di torcicollo congenito, una malformazione che fa inclinare la testa verso il lato malato e ruotarla nel lato opposto.

I medici locali dicono di non poter fare nulla e hanno consigliato ai parenti di portarla all’estero ma la famiglia non è in grado di pagare un intervento chirurgico dopo che il padre di Afsheen è morto di cancro l’anno scorso, costringendoli a vivere con il magrissimo stipendio da domestica della madre . “Nell’ultimo anno è stata a casa e non ha visto un dottore. Temiamo che non sarà curata svilupperà qualche altra malattia” ha spiegato il fratello appellandosi a chiunque posa dare un mano per curarla

Author: Emanuela Buzzetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *