Obesa per far piacere al fidanzato ossessionato per le donne grasse: la storia di Patty

Questa storia incredibile arriva da Reno, in Nevada, e a raccontarla è proprio la diretta interessata, la 51enne Patty Sanchez, per lanciare un importante messaggio ed evitare che altre persone commettano i suoi errori. Stava con un uomo a cui piacevano le donne grasse. La sua era una perversione, ma la 51enne Patty Sanchez, la sua compagna, avrebbe fatto di tutto per renderlo felice.

Ha così deciso di seguire una dieta da 13 mila calorie al giorno per riuscire ad ingrassare. Il suo sogno era diventato quello di essere la donna più grassa del mondo:

Mi sentivo come se stessi morendo lentamente. Mi rendevo contro solo parzialmente della mia condizione e la accettavo, perché non ero in grado di reagire” ha raccontato. Patty e il fidanzato si sono incontrati nel 2000:

“Quando l’ho conosciuto non aveva certe perversioni, poi mi ha detto che gli avevo aperto gli occhi su un nuovo mondo” ha raccontato la donna. “Il 90% della nostra relazione – ha raccontato – ruotava attorno al cibo. Io cucinavo e mangiavo e lui mi guardava e mi toccava la pancia”.

La situazione è degenerata e Patty è arrivata a pesare 327 chili, facendo fatica a fare qualsiasi cosa, anche il più banale movimento. E’ a quel punto che ha capito di aver toccato il fondo e di dover trovare la forza di reagire. Per prima cosa, dopo 10 anni di storia, ha lasciato quell’uomo, ha iniziato a mangiare di meno e ha deciso di prendersi cura di sé stessa come non aveva mai fatto prima.

Patty grazie alla sua forza è riuscita ad uscire da quella situazione, comprendendo che il suo compagno non l’ha mai amata veramente: voleva vederla grassa solo per sè stesso. Con il tempo la donna è riuscita a riprendersi ed è tornata a condurre una vita normale. Pesa 216 chili e ha intrapreso uno stile di vita sano, a partire dall’alimentazione. La decisione di raccontare la sua storia è maturata con l’intenzione di aiutare le donne e metterle in guardia.

Author: Emanuela Buzzetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *